Volltext: Architettura Civile Del Padre D. Guarino Guarini Cherico Regolare : Opera Postuma Dedicata A Sua Sacra Reale Maestá

Fa DELL’ ARCHITETTURA 
as 
’ O SS ERV AL4Z IO NE: SECOND. 
L'Architettura non dee difporre in tal guifa le fue Fabbriche , che fian oppofte 
al coftume del Paefe , e delle Perfone . 
Egue ciò dall’antecedente , perchè fe farà contro l'ufo del Paefe, o del. 
S le Perfone, non {farà comoda. Onde farebbe inconveniente a’ poveri 
Contadini fabbricare ampie Stanze, o ne’ Paefi più freddi innalzarle troppo 
alte, e fimili cofe; però Vitruvio dice , Et ad regiones fui cujufque generis 
apta , & commoda diftributio . 
OSS ERVZILZ IO N Ei T.E R ZA, 
Eve l’Architetto procedere. difcretamente. Perchè fi dee mirare alla 
D comodità di chi fabbrica, fe lo pone in tale fpefa, che , o non pof 
fa finire il difegno, o terminandolo fia neceffario impoverirfi , e” divenire 
mendico , ciò certamente non riufcirà di comodo , anzi di grave incomodo 
a quello, che dee goderlo; onde Crifto medefimo. Luc. Cap. 14. Y. 28. 
dice , Quis volens turrim edificare non ne priùs fedens compurtat fumptus , qui necef- 
rii funt fi babeat ad perficiendum , ne poftquam. pofuerit fundamentum , & non potue- 
rit perficere , omnes iincipiant' illudere ei, diventes , bic. homo cgpit edificare , & non 
potuit confumare . 
Quindi è 5 che per detto di Vitruvio nel Prologo del Lib. X. in Efefo 
eravi una Legge , che obbligava l’Architetto a finir le Fabbriche pubbli- 
che del fuo , fe coftavano più , che la quatîta parte di quello, che avea det- 
to avanti che la Fabbrica fi cominciafle; onde Vitruvio defiderò , che tal 
Legge fuffe anche offervata in Roma. Utinam Dii immortales feciffent , quod 
ea Lex etiam Populo Romano non modò publicis , fed etiam privatis edificiis effet con 
flituta : perchè in verità vi fono alcuni, che con perniciofo inganno indu- 
cono le genti a {pefe ecceffive fotto {pecie di poca fpefa, e rovinano le 
famiglie. E però il Serlio riprende Palladio , perchè avefle indotti i Si- 
gnori Vicentini a fabbricare sì fontuofamente , che non refiftendo alla {pe- 
fa, quafi di tutti gli Edifizj fi veggono folamente i principj. Però l’Archi- 
tetto deve non tanto defiderare la pubblica magnificenza , quanto aver ri- 
guardo alle private forze , nè tanto in farfi onore nelle belle intraprefe, 
quanto non danneggiar il compagno con metterlo in impoflibili impe. 
gni. Softengo adunque [non oftante il detto di Urbano VIII. che il dire 
finceramente quanto fia per coftare una Fabbrica , è più da un buon Cri- 
ftiano , che da buon Architetto ] che fi dica il vero del di lei cofto, ac- 
ciocchè la rovina della ecceiliva fpefa non cada fopra l’Architetto , che non 
può acquiftarne altro concetto , fe non o d’Imperito , o d'Ingannatore , am- 
bi titoli pregiudiziali alla fua riputazione . 
O SER VAZIONE QUARTA. 
LL’ Architettura deve aver per oggetto , e fcopo, anche la ficurezza delle Fabbriche . 
ini anche quefto dallo fteffo principio ; perchè non tornarebbe a co- 
modo dell’Abitante aver fempre da principiare, e tanto meno , che 
in. non
	        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzerin, sehr geehrter Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.