Full text: Architettura Civile Del Padre D. Guarino Guarini Cherico Regolare : Opera Postuma Dedicata A Sua Sacra Reale Maestá

DELL'ARCHITETTURA. 
ne {peziale , ma perchè tutte le Colonne , benchè poiche 40 Joni. 
La. Sg he poflono efler a vite , o torte; quindi è , che non eflendo accompa. 
Tra. 3. che p ia Cotni fi può chiamar ordine. Siccome 
gnate da alcuna propria, Cornice non li può c onda Cel 
anche le Bafi Attiche , come quelle , che non hanno propria Colon. 
na, e Cornice non poffono conftituire , come abbiamo detto : ordine 
alcuno fpeziale . To dunque , acciocchè poteflero conftituire un odi 
proprio , e intiero , vi ho aggiunto la Cornice pd gianne > E o po. 
fta in pratica in una Capella benchè di ftucco a Meflina, che mi è 
riufcita in fommo grado viftofa. | | 
Le Colonne dunque -a vite, e ftorte fi poffono fare in due modi. 
L’uno è quello , che foglio praticare ; l’altro l’infegna il Vignola. E 
in quanto al primo, fatta la Colonna dritta, e diminuita » e gonfia, 
fecondo le regole antecedenti , o fecondo quello infegnerò quì appref. 
fo, fi tireranno due linee dall’alto al baflo , quanto è lunga la Colonna, 
paralelle al fuo lato , e curve, fecondo che porta la fua gonfiaggione, 
diftanti da eflo lato , quanto è il femidiametro della Colonna , di cui 
due porzioni fono AB, BC, poi divifa tutta l'altezza della Colon- 
na in parti 12., © più, fe più piccole fi vorranno far l'onde , fi tire 
ranno per ciafcuna divifione le rette AB, EF, ed HG, e tutte le 
altre paralelle alla bafe. Di poi dai punti ove fegano l'equidiftanti a 
lati già tirate, cioè da' punti A a G, e così da Ba H., alternartiva- 
mente fi tireranno le linee AC, BH, lafciandone una di mezzo , CO 
me EF fenza tirar da' fuoi eftremi quefte linee. Indi dal punto G, 
come centro , fi {tenderà il Compaffo in O fino al lato della Colon- 
na, ché pafla per 1, e fi tirerà l'arco I L, fimilmente pofto il Compaf 
fo in O , ed apertolo fino a I fi farà l'arco IN, e così degli altri, e 
lo fteflo fi farà all’altra banda , ponendo prima il Compaflo in È , ac 
ciò venga concavo , dove dall’altra parte è convello , ed allo fteffo modo 
s'andrà feguendo fino alla fine. 
L'altro modo fi vede nella figura 29.: fi farà dunque alla bafe 
della Colonna un femicircolo, il cui femidiametro fia un modulo, e fi 
dividerà in quattro parti , conducendo a ciafcuna dal centro il femidia 
metro , indi collo {teffo centro fi farà un circolo, il cui femidiametro 
farà il terzo del maggiore , e dove vien fegato da femidiametri ne’punti 
1. 2. 3. 4. 5. fi tiraranno le normali puntate. Divifa poi l’altezza del- 
la Colonna in 12. parti , come prima, ciafcuna fi fuddividerà in a 
e per le divifioni fi tiraranno le paralelle alla bafe , come fi vede; indi 
prefo dalla Colonna delineata a parte diminuita, e gonfiata, e divifa in 
altrettante parti con altrettante paralelle ciafcun femidiametro , fecon- 
do va crefcendo , indi decrefcendo, e trafportato nella paralella fua 
corrifpondente , fi mifurerà cominciando dalla normale 3. d’ambe le 
parti, indi alla feconda paralella dalla normale 2., poi dalla normale 
1 alla quarta della normale 2., di nuovo alla quinta della normale 3. 
€ poi fi feguirà dall'altra parte, mifurando prima dalla normale 4., poi 
dalla 5.5 e poi ritornando in dietro dalla normale 4.; di nuovo , e fein- 
pre d’ambe le parti feguendo fino al fine. IL che efeguito per gli punti 
e{tremi notati in ciafeuna paralella fi piegherà una linea, che formarà 
l'onda delle Colonne torte; circa le {fcanalature vedremo appreflo . 
L'altezza del fufto di quefta Colon na è di moduli 17., ma fi potreb 
be 
114
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.