Full text: Architettura Civile Del Padre D. Guarino Guarini Cherico Regolare : Opera Postuma Dedicata A Sua Sacra Reale Maestá

PRA NTIA TON (ACAP vv 
OSSERVAZIONE SETTIMA. 
Delle varie proporzioni del Piedeftallo Corinto appreffo gli Autori . 
L Serlio alza il Timpano quanto è largo il Dado della Colonna ; Lat 7. 
Î e due terzi di più, e due fettimi di eflo concede al Bafamento; Trat.2. 
ed alla Cornice di fopra .- Palladio lo fa il terzo della Colonna intiera 
colle fue parti. | ; 
Il Vignola lo fa moduli 5.3 e di fopra più + dà alla Cornice di 
fotto e =, ed = a quella di fopra . Ma fecondo il Serlio eflfendo il Piede: 
ftallo arbitrario, e dipendendo la fua altezza dalla neceflità potrà far 
come piace . o os 
Gli Antichi fecero î Piedeftalli conforme riferifce Palladio lib. r. 
cap. 19. alcune volte quadri , come fono nell’ Arco de Leoni a Ve- 
rona, altre volte per la merà della luce degli Archi come nell’ Arco 
di ‘Tito a S. Maria nuova in Roma, ed in quellò di Trajano ful: Por: 
to di Ancona. Altri , i quali io fieguo, la fecero pel terzo della Co: 
lonna , come fi vede in un’Arco > che: è in Pola Città di Dalmazia 3 
nell’ Arco di Cefare Augulto a Sufa nel Piemonte nelle radici dell’A_ 1 
pi, e nell’Anfiteatro di Roma nell’ ordine Dorico, e Corinto, onde è 
adornato. E tale è. la regola di Vitruvio nel fefto libro, il quale vuo- 
le, che ne’ Teatri il Poggio, che è lo fteffo, ch’ il Piedeftallo fia il ter: 
ro dell'altezza della Colonna . ' 
OSSERVA ZI ONE QTT'A4AV 4, 
Varie mifure circa la Colonna Corinta . 
Nor convengono nè gli Autori, nè le Antichità Romane circa Pal. 
tezza delle Colonne Corinte, perchè com’abbiam’ veduto, altri 
l'innalzano dieci diametri » altri nove, e nell’Arco di Coftantino f tro- 
vano di tredici diametri, e altrove d’undici. 
Nelle foglie anche nel Capitello variano , ponendovi folamente un 
giro di foglie , come fono i Capitelli del Tempio di Nimes, che de- 
linea Palladio al lib. 4. del cap. 19. Alcuni non hanno i piccoli Cau- 
licoli fotto al fiore, ima due Vitriccj , che fi collegano infieme , come 
nel Tempio di Giove Stattore , che deferive lo fteffa al Cap. 8. del 
lib. 4. 
Le bafi pur anche fon varie , e condecentemente vi pongono fotto 
anche la bafe Attica. - 
OSS ER F:A4Z 10 N E NON AZ. 
Della varietà delle Cornici Corinte , 
$ 7 Itruvio non ha dato. alcuna mifura delle Cornici Corinte , con- 
V_ danna folamente nel 4. lib. al Cap. 2. i Denticoli, e modiglio- 
Ni in una ftefla Cornice, attribuendo i Denticoli all Opere Joniche. 
Sic in Fonicis Denticuli in projeéturis , afferum habent rationem . Iiaque in Gra» 
PA 
119 
PA
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.