Full text: Architettura Civile Del Padre D. Guarino Guarini Cherico Regolare : Opera Postuma Dedicata A Sua Sacra Reale Maestá

144 DIELL''ARCHITETT URRA 
. 1 
Trat 3: Dell’opera a fafcie . 
’Altro modo d’ornar le facciate è compartirle in diverfe fafcie le 
L quali tirano. dall'alto al baffo, e fiano rifquadrate da fafcie egua. 
li per traverfo, le quali giusnendo così nell'ultima fatcia , che al li. 
vello corre da un fianco all'altro, e foftiene l’ultima cornice fotto 
tetto, dividono tutta la facciata in varj campi, e corrifpondenti, ne 
quali fon le fineftre, tale è il muro C nella Laftra 12., € quefte fa 
{cie non dovranno effere men larghe , che il decimo , o duodecimo 
delia fua altezza, finchè incontrino l’altra fafcia, che corre a livello 
fopia cui corre una piccola cornice , ed indi fegua fin al fine, in dl 
guifa' che quando fia giunta al decimo , o duodecimo della fua larghe. 
za , 1Vi trovi qualche fafcia , o cornice , o altro orhamento “che lin 
terrompa, e poi di nuovo fegua innalzandofi altrettanto; a queéfto mo. 
do è fatto il Palazzo nuovo del Sereniifimo di Parma; in cui le falcie 
fono di ambe le parti’ continuamente accompagnare colle Cornici in 
quella Città , ed in tal guifa ho‘fatto il Palazzo’ del Sereniffimò Pren 
cipe di Carignano a Racconigi , ove le fafcie a piombo fono folamen 
te attraverfate dalle fafcie a livello fenza alcuna cornice. fe non l'al 
tima, che'è framezzo ; Quì poi a "Torino le fafcie ‘non fono piane, 
ma colla cornice ; e {colpite a ftelle, e divife non folamente dalle fa 
fcie , che corrono a'traverfo , ma anche dalle cornici , che l'interrom 
pono, onde fanno ina fiperbillima vifta. ’ 8 sm 
OSSERVAZIONE TERZA 
È: Dell’opere a. Rilievo . : 
S dice opera a Rilievo , quando tra una fineltra » e l’altra, o fovra, 
o fotto efle evvi un rifalto colle cornici attorno , € compartito 
in qualche vaga figura, che accompagni il fito ; come fi vede nella La 
ftra 43. ne compartiti FA quelto' modo’ in Torino fono adornati 
tutti i Palazzi dî Piazza Reale , è fanno” all'occhio una vaghiilima pom 
pa. Se ne fervifono qualche poco i Romani, come fi vede nel Pan- 
teon ; fe ne ferve: anche il Serlio ne’ fiuoi difégni lib. 4. cap. 6. pag. 
31.,; € 34, e altrove. . 
OSSERVAZIONE QUARTZ. 
Dell’ opera d' Rifquaari . 
N differifte quefta opera dall’antecedente » fe non in quefto fo 
lamente , che là ove l'antecedente rifalta in fuori , queita s’inca- 
va in dentro , e finge come tanti Quadri attaccati tra le fineftre, 0 
fopra , o fotto effe > € negli angoli degli archi , accomodandogli colla 
figura al fito, ove fono. "Tali fono gl’Incavi, e Rifquadri C nella La 
fira 14., e gl'Incavi G nella Laftra } 3. 
Vuefti 
C
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.