Volltext: Architettura Civile Del Padre D. Guarino Guarini Cherico Regolare : Opera Postuma Dedicata A Sua Sacra Reale Maestá

de WELL'ARCHITETTURA 
e fono di tre varietà per casio" 
i Lafr.:. Tal’è la Figura nona A. B.C., e ve ne fono di per cagio. 
Trat.1. ne dei lati, ed altre tre per motivo degli Angoli. Se dunque ha tutti 
tre i lati eguali fi chiama equilatero come il primo della Fig. nona, fe 
n'ha due folamente eguali , dicefi Ifoftele , come il fecondo > fe t1ene 
tutti ineguali, fi appella Scaleno come il terzo : così fe ha un Angolo 
Fig. 10. retto come C. nel Triangolo A.C.B. fi dice Rettangolo come il prin 
della Fig. 10.5; fe n’avrà un’ottufo fi nomina Ambligonio come il fe 
condo , fe tutti tre acuti Olfigonio chiamafi , come il terzo. 
Definizione quinta . Le altre Figure fi appellano Moltilatere , e 
Fig. pigliano il nome dalla moltitudine degli Angoli loro, come il P enta; 
12... golo da cinque Angoli, il Seflagono da fei, l’Ottagono da otto Angoli, 
e così degli altri. 
OSSERVAZIONE TERZA. 
Circa le Definizioni delle Figure Circolari , e primieramente circa 
la Definizione del Circolo . 
i Pinne prima. Il Circolo è una Figura piana comprefa da una 
linea folamente detta Periferia , che comprende , e chiude un pun- 
to detto Centro , a cui le linee da lei condotte fono tutte eguali, come 
Fig.13. nella Figura decimaterza il circolo C. I D. che comprefb dalla linea 
detta Periferia, che ha il punto P., da cui tirate le linee P.I, e P.D., 
e P.C., e fimili, fono tutte eguali; onde P. farà il fuo centro , per 
la qual cofa, fe vi farà una Figura, che fia comprefa da una linea 
folamente , e non abbia punto in fe A a'cui fi tirifio le linee uguali, 
farà Eliffi , ovvero ovato, ma non circolo. 
Definizione feconda . La linea, che palla pel centro come C. D. 
Fig. 14. nella Figura 13., e fi congiunge colla circonferenza , fi dice Diame- 
tro , fe poi fegata, e divifa , Semicircolo > come nella Fig. 14., e la li 
mea P.I farà Semidiamerro. i 
Definizione terza". Le linee j le quali fono in ifquadro col Diame- 
Fig.15. TO > € finifcono nella circonferenza, fi dicono feni come nella Figura 
15. F.A , il quale è ad Angoli tetti al Diametro C. D.; fi dicono poi 
applicate non tanto hel Circolo , quanto nella Eliili ;, ed Ovati. La Îi- 
nea E. A. fe dicefi feno retto ;- l'altra del complemento , ovvero all’ 
oppofto ; fe F. A. farà feno retto » E: A. farà feno del complemento. 
Figit6. SU Definizione quarta. La linea B: A. , che prende , ed unifce due pun- 
ti della circonferenza, ne paffa pel centro , fi dice Subtenfa , o Corda, © 
{e è nella Elifli ,. ovvero ‘Ovato, fi dice anche Applicata ; ‘come nella 
Figura: 16. La linea E.IC., oppure F. I. in quadro colla Corda, 6 al- 
zata della: metà di ‘effa dicefi fenoverfo 5 O Saetta. A, 
Fig. 17. Definizione quinta. Le linee » che condotte dal Centro efcono 
fuori » e’fegano la Periferia ,; come O. G. nella Figura 17. fi dicono Se- 
ganti ;_e fe da un punto di fuori condotte toccano folamente il Circolo, 
fi’ dicono tangenti , le quali due fotte di linee f congiungono infieme nel 
punto G.; ‘onde la fegante termina nella tangente . 
Definizione fefta. La mifura di unm'Angolo , e la circonferenza di 
un Arco è pezzo di Periferia » che abbia il Centro nell’Angolo, o” fia 
con1- 
6
	        

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzerin, sehr geehrter Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.