Full text: Architettura Civile Del Padre D. Guarino Guarini Cherico Regolare : Opera Postuma Dedicata A Sua Sacra Reale Maestá

‘DELL’ ARCHITETTURA 
traguarda dallo {telo punto , e così fucceflivamente , quanto farà di bi. 
fogno , in tal modo che fempre l’occhio ne miri tre almeno che sin. 
Lara, contrino infieme nella fteffa linea vifuale, e perchè fiano più vifibili, 
alla lor cima fi metterà una carta per ifcopo , e quando fuflero diftan: 
tiffime , fi adopererà il Canocchiale per meglio vederle , e divi» 
farle, e quefte afte faranno in linea retta; onde appreflo le medefime 
fi potrà mifurare , o tirare qualunque dirittura . 
OSSERVAZIONE TERZ I. 
Modo di prendere i fiti mediante gli angoli. 
Uando i fiti fono grandi , e fpacciati , colla fquadramobile pren= 
O dendo gli angoli, fi potrà mifurare il fito per trafportarlo fulla cars 
ta in tre maniere. La prima è con. una ftazione folamente nel mezzo, 
la feconda con due, la terza con tante, quante fono gli angoli della 
figura . 
s Primieramente dunque fiafi da mifurare la figura HILFG da 
Fig. 11. UN punto folamente , come nella figura 11. Piantato in ciafcun’ango- 
lo il fuo feopo, cioè un'afta , o canna a piombo con una carta in ci= 
ma, ed eletto il punto in mezzo O j' da lui fi mirerà colla {quadramo- 
bile a tutti gli angoli ; ponendo il braccio ftabile ; per efempio che mi: 
ri 1, ed il mobile che traguardi alla H, pofto il centro di efla precifa- 
mente nel punto O, e fiilla carta fi tireranno così alla ruftica due li- 
nee da un punto per inemoria , e fra loro fi noteranno i gradi che fi 
comprendono tra l'uno, e l’altro braccio. Indi fi mifireranno le linee 
OI, ed OH, ed il numero de trabucchi , € piedi ,' e delle oncie fi 
noterà fulla carta 'appreflo alle linee tirate in eflà prima , e feconda, at- 
tribuendo a ciafeuna la fua propria mifura. 
" Allofteflo modo fi prenderà l’Angolo HO G, e tirando fulla car: 
ta dallo fteffo punto un’altra linea, che facci angolo coll’ ultima pre- 
cedente , fi noteranno fra! loro i gradi-inchiufi fra due bracci dell’Ittro: 
mento, e mifurata la'linea OG, fi noterà la fua lunghezza appreflo 
la terza linea fulla carta ; tirata dallo fteflo punto; in tal guifa fi prende- 
rà l'angolo GOF, e fulla carta tirata la quarta linea, fi noterantio fra 
la terza; e la quarta, ficcome preflo la quarta la lunghezza OF. 
Finalmente nella {teffa maniera fi prenderanno gli’angoli L'OF; 
e/fi mifurerà la lunghezza © Li; riotando appreflo la quinta linea} e 
così farà prefo tutto il fito per difegnarlo ‘poi in éarta’ fecondo le’ ‘pre- 
dette mifure ; e la carta prefentemente notata fervirà per memòria 
delle mifure , e degli angoli prefiz MX VW sa Ig, 
L’altro ‘mhodo fi può faré folamente a forza degli angoli fenza pun- 
to mifurare i lati. Eletto dunque il lato A B, che, folamente fi mifu- 
rerà, fi porrà il braccio ftabile , che miri A come nella e{pofta figura, 
e poi il braccio mobile che miri E , e fulla carta con due linee fi farà 
unangolo acuto, ed a giudizio appreflo a poco fimile all’angolo A B.E, 
e fi noteranno i gradi della {quadra 1. 2., e poi tenendo il braccio 
ftabile fermo vero A fi mirerà il punto D, e fi noterà fulla carta, 
tirata una linea appreflo alle altre, due, che faccia l’angolo fecondo ; 
2 
4.6
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.